Osservatorio sul rispetto dei diritti fondamentali in Europa

Sito web: http://www.europeanrights.eu

 

 

La Fondazione Lelio e Lisli Basso–Issoco con sede in Roma (Fondazione Basso), il Centro Internazionale Ricerche sul Diritto Europeo con sede presso l’Università di Bologna (C.I.R.D.E.) e l’Associazione dei magistrati europei per la democrazia e la libertà con sede a Strasburgo (Medel) hanno costituito un Osservatorio sul rispetto dei diritti fondamentali in Europa, basato sull’esame e la valutazione delle decisioni dei giudici dei Paesi europei.

 

Ragioni e scopi

L’idea è sorta a partire da alcuni studi sulla giurisprudenza nazionale ed europea che ha fatto uso della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (Carta di Nizza) e da un Convegno che ha discusso questo tema, nel corso del quale è emersa l’attuale mancanza di un luogo di incontro e di confronto tra gli operatori della giustizia e gli studiosi europei sull’evoluzione giurisprudenziale delle Corti europee,  sui suoi effetti nelle giurisprudenze nazionali e sul livello finale di tutela dei diritti fondamentali nel complesso sistema “multilivello” che si è costituito negli ultimi decenni in Europa. Nei Paesi europei, infatti, la tutela dei diritti fondamentali impegna tre ordinamenti, quello nazionale, quello comunitario e quello internazionale, che si intersecano e si integrano in vario modo.

 

L’Osservatorio si prefigge di contribuire a rispondere a diverse esigenze:

  • l’esigenza di comparare e affinare tecniche interpretative idonee alla tutela multilivello dei diritti;
  • l’esigenza di consolidare la difesa dei diritti fondamentali delle persone nel contesto europeo;
  • l’esigenza di costruire una comune cultura giuridica che contribuisca alla formazione della “sfera pubblica europea”.

 

L’attività che l’Osservatorio intende svolgere è la seguente:

  • Monitoraggio della giurisprudenza delle Corti europee in materia di diritti fondamentali e della ricaduta di tale giurisprudenza sulle decisioni delle Corti nazionali;
  • Confronto e dibattito su tale giurisprudenza con particolare riguardo all’analisi delle interpretazioni innovative dei diritti fondamentali, al “dialogo” fra la Corte europea dei diritti dell’uomo e la Corte di Giustizia delle Comunità europee, all’anomala efficacia della Carta di Nizza e all’utilizzazione delle sue disposizioni in sede giudiziaria;
  • Esame delle principali normative europee con riferimento alla tutela dei diritti fondamentali, anche nella prospettiva di formulare osservazioni nel corso del procedimento legislativo;
  • Creazione di un rapporto permanente con l’Agenzia per i diritti fondamentali dell’Unione europea.

 

Newsletter Europeanrights.eu

 

 

Ultime News